mercoledì 27 febbraio 2008

Torment

Altro film acquistato a pochi euro; alla fine mi sa che sono i migliori. A parte tutto, questo film mi è proprio piaciuto, un thriller che parte lentamente, come se fosse un vecchio diesel, ma che nella seconda parte ingrana fino ad arrivare al culmine con un paio di colpi di scena davvero all'altezza. Molto belli i primi piani - che adoro - e fermi immagine sui volti dei protagonisti. Io avrei eliminato la scena iniziale del museo perché inconsistente col resto del film se non per creare un inutile quanto surreale legame tra l'assassino e la protagonista visto che ad omicidio fresco fresco il killer non rimane nei dintorni della scena del delitto.

Voto: 7 1/2

Casa dolce casa - 2° episodio

L'offerta per la dimora nella nuova cappella è andata a buon fine. Ora parte la vendita del mio loculo...

lunedì 25 febbraio 2008

Il nome della rosa

Finalmente dopo circa 8 mesi ho terminato di leggere questo libro. Gli otto mesi non sono dovuti alla "pesantezza" del libro bensì al fatto che da quando in casa ci sono loro, si le due bamboline - a volte indemoniate, il mio tempo da dedicare alla lettura si è drasticamente ridotto, infatti mi sono rimasti quei dieci minuti al mattino seduto sul cesso - potrei trattenermi oltre ma poi il mio Heamorrhage Corpse potrebbe risentirsi. Il libro, non lo dico io, è un grande libro, geniale, unico. Certo non è per tutti, neanche per me, e per il latino e per alcuni termini/riferimenti storici. Sono rimasto sorpreso nel leggere le postille dello stesso autore tra le quali mi ha stupito dapprima il fatto che ha impiegato circa un anno per creare il mondo, ovvero tutto ciò che fa di una storia una "vera" storia. Tra le mie passioni c'è quella dell'Interactive Fiction, in Italia c'è un piccolo movimento, tra sito e newsgroup, con alti e bassi. Da autore, ho scritto 3 avventure testuali, e l'accostamento libro - avventura testuale salta sempre fuori; ecco quindi che quando ho letto la storia del mondo subito è balzato in mente lo stesso problema che si ha quando si inizia a progettare un'avventura testuale. L'altra curiosità, sempre tra le postille, che mi è balenata in testa è che Eco ha iniziato a pensare al romanzo con l'obiettivo di scrivere un romanzo successo!!!

mercoledì 20 febbraio 2008

Casa dolce casa

Dopo circa un anno mi è capitata sotto mano un'altra bella cappella indipendente, grande (160 mq)... peccato che la money è quella che è. Spero di trovare un acquirente per il mio grande loculo che mi permetta di cambiare dimora...

giovedì 14 febbraio 2008

L'isola degli zombies

Isola degli zombies
Titolo originale White Zombie. L'ho trovato per caso in un ipermercato a soli 5 euro e l'ho accaparrato subito subito. Il film, con un Bela Lugosi ancora in gran forma, rigorosamente in bianco e nero è del 1932, e questo è tutto dire parlando di zombie. Bel film che mostra lo zombie sotto un aspetto diverso da quello per cui siamo abituati, ovvero un dissepolto "schiavo" e non certo affamato di carne umana. Qui si parla di un voodoo (Lugosi) che sfrutta appunto gli zombie non solo per lavoro. Un must per tutti gli amanti del genere. A questo punto mi incuriosiscono gli altri film (horror) diretti dal regista Victor Halperin nei primi decenni del secolo scorso.

Voto: 9

martedì 12 febbraio 2008

Quando Alice ruppe lo specchio

Regalo ricevuto tempo fa, solo sabato ho avuto modo di vederlo. Dopo Voci dal Profondo passo ad un altro film del grande regista Fulci. La copertina ed il titolo non mi ispiravano, un po' come quando acquistavo gli LP alla cieca, la copertina giocava un ruolo importante. Bene, dicevo, questo film mi è piaciuto, non mancano le componenti splatter - la signora barbuta nel forno - così come quelle comiche - la stessa nel bagagliaio. Qui si parla di un uomo col vizio delle scommesse che per far soldi aggancia donne di mezza età benestanti e sole... mi fermo qua perché potrei rovinare la visione!

Voto: 7

venerdì 8 febbraio 2008

Penis Leech (rest in pain)


Penis Leech. Nella cantina di casa nel lontano 1993 partivano i primi esperimenti grind/brutal. Si partì con due bassi, di cui uno distorto all'ennesima potenza per raggiungere due anni dopo una formazione decente con basso, batteria chitarra e voce. Nel 1996 viene rilasciata la debut demo tape, intitolata Inhuman Pubic Revenge; 5 brani + intro di brutal detah metal. La registrazione, avvenuta a Brindisi, non era delle più pulite, ad ogni modo circa 500 copie furono vendute. Tra cambi di line-up e concerti vari si arriva nel 2000 al rilascio di una promo K7 contenente 3 pezzi, Eternally Encrypted, registrati molto più professionalmente del primo lavoro. Ottimo riscontro, diversi concerti, mini tour per l'Italia. Nel 2001 il sottoscritto lascia la band per lavoro, e da allora varie vicissitudini e avvicendamenti portano la band a cambiare nome (Stench of Dismemberment) ed alcuni elementi.

mercoledì 6 febbraio 2008

Il canale del malcontento

In tutte le aziende che si rispettano, nella mia breve esperienza lavorativa - poco più di dieci anni - ho sempre notato quel canale che aleggia tra i vari dipartimenti, open space, uffici, ecc. che trasporta quel malcontento presente in qualsiasi realtà lavorativa e che ha la sue stazioni negli angoli remoti degli uffici, i cessi, le macchinette distributori, la mensa (se c'è!!!), e così via. Mi chiedevo se anche i manager, i responsabili vari riescono a sintonizzarsi su questo canale...

venerdì 1 febbraio 2008

Clash of the Titans

Clash of the Titans
Mitico concerto tenutosi nel caro Palatrussardi nel lontano 1990. Il ricordo si sofferma sulla marea di gente presente sin dalla mattina dietro ai cancelli, sui gruppi che vedevo per la prima volta, forse solo per i Suicidal Tendencies provai scarso interesse, più che altro per il genere che non tanto ho amato nel tempo, un mix tra trash e hard-core. Non ricordo bene le relative performance ma nella memoria è stampata soprattutto la prova degli Slayer, a seguire i Testament, i Megadeth col freddo Dave Mustaine e per finire i Suicidal Tendencies. Il concerto è impresso nella mia memoria extra-terrena per una ragazza che mi attendeva, inaspettatamente, al ritorno dalle tenebre.

Voto: 8